Skip to main content

*Novità* Raccogli i pre-save fin da subito con Artist Hub Pro💚

Artist Hub
iMusician logo
Artisti in evidenza

Release della Settimana: Sunny Girls

  • 30 giugno 2021, mercoledì
Condividi questo articolo su
Sunny Girls band

Sotto il nome ingannevole di Sunny Girls e il loro aspetto da bravi ragazzi, si nasconde un gruppo di hooligans musicali di Barcellona pronti a qualsiasi esperimento esotico per fare festa. Ascoltiamo "Cibeles", il loro nuovo singolo di post-regueton distribuito da iMusician.

Abbiamo fatto due chiacchiere con Arnau, fondatore della band.

Chi sono i Sunny Girls?


Le Sunny Girls sono una band di Barcellona che è nata da un progetto solista del cantante (Arnau) per poi diventare una band. Oltre a lui, siamo Albert (chitarra), Álvaro (chitarra e tastiere), Sergi (tastiere), Sunyol (basso) e Iñaki (batteria). Siamo attivi dal 2018 e quest'anno abbiamo pubblicato il nostro primo full-length, Missbehave. Siamo una band molto orientata al live, cerchiamo di offrire spettacoli all'insegna di follia e dissolutezza. Musicalmente ci definiamo "pop-rock con un cuore punk", e attingiamo da mille influenze diverse e sempre con l'obiettivo di fare canzoni ballabili.

Può raccontarci qualcosa di Cibeles?


Cibeles è un brano un po' strano per noi; non solo è un genere che di solito non suoniamo, ma è il primo brano che abbiamo registrato al 100% in digitale. Ho passato un'estate in cui ho ascoltato molto reggaeton, uno stile che avevo sempre considerato "inferiore" o musicalmente poco interessante, ma il mio cambio di atteggiamento è avvenuto dopo aver visto Yung Beef dal vivo, ho pensato che fosse il concerto più punk e selvaggio a cui fossi mai stato. Ho iniziato a interessarmi alla scena urbana cosiddetta "underground" di Barcellona in particolare e della Spagna in generale, e ho trovato artisti come Albany, Soto Asa o La Zowi che facevano acrobazie impensabili basate su questi ritmi. Ho composto questa traccia con Álvaro, che con il suo progetto personale (Ivory.the) suonava già questi generi. Strumentalmente, l'idea era di mescolare il reggaeton con arrangiamenti di archi e, a livello di testi, abbiamo scritto una canzone sul nostro odio per Madrid (un piccolo meme che abbiamo tra noi) e la nostra insoddisfazione politica. Abbiamo pensato che non sarebbe stato onesto parlare di "venire dalla strada" o di questi cliché, perché non è la nostra realtà. La traccia è in giro dal 2019 e circola tra i nostri cari, ma abbiamo pensato che fosse arrivato il momento di rimasterizzarla e rilasciarla al pubblico in modo che possano godersi un'estate a suon di balli.

Sunny Girls Cibeles

Puoi raccontarci un po' del vostro rapporto con Spotify e con le altre piattaforme di streaming e download?

Non siamo mai stati troppo interessati al gioco degli stream e delle playlist, ci è sempre sembrato superficiale e disonesto, ma a poco a poco ci si rende conto che è importante avere una buona strategia digitale, che può essere molto utile per raggiungere più persone. Essendo una band indipendente e agendo come nostri "manager", è difficile tenere tutto in mente ed essere costantemente consapevoli di queste cose, il che alla fine finisce per logorarci. Da quando abbiamo formato Malapata Records, un'etichetta discografica indipendente con diversi amici, e da quando lavoriamo con iMusician, siamo riusciti a trovare un equilibrio tra il non dover stare dietro ad ogni singolo dettaglio amministrativo e l'essere in grado di creare una strategia potente per quello che vogliamo ottenere. Il segreto per noi è stato fare le cose con tempo e dedizione; non si tratta di caricare cose su Spotify, si tratta di sapere dove vuoi andare e qual è la strada giusta. In questo senso, siamo felici di sviluppare strategie di pubblicazione e distribuzione che possiamo gestire facilmente.

Quali sono i vostri progetti per quest'anno?

Per il momento, andiamo in vacanza, e a settembre vedremo come continuare. La scena delle band indipendenti ed emergenti è molto complicata e, anche se ora i locali si stanno aprendo, ci sono molti artisti, grandi, medi e piccoli, che suoneranno prima di noi. Sappiamo che nel nostro piccolo circuito locale saremo in grado di suonare, ma ovviamente aspiriamo a uscire dalla città e raggiungere locali più grandi. Se tutto va bene, faremo uscire un altro singolo prima della fine dell'anno, e continueremo a scrivere canzoni per il prossimo album. Da lì, si tratta di capire come possiamo raggiungere un pubblico più ampio, ma non stiamo correndo o mettendo alcuna pressione su noi stessi. Vogliamo divertirci e fare musica di valore, e siamo felici di essere arrivati fin qui.

Unisciti alla nostra community di oltre 200.000 artisti indipendenti.

Condividi questo articolo su
Segui l'artista su
Newsletter iMusician

Resta aggiornato

Rimani aggiornato su tutte le ultime notizie, tendenze, consigli, trucchi sul mondo della musica. Tutto ciò di cui hai bisogno per far crescere la tua carriera musicale direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Loading...