Skip to main content

OFFERTA LIMITATA: Risparmia il 20% sui nostri abbonamenti ANNUALI 🤑

Approfitta Ora
iMusician logo
SPRING SPECIAL
Tutti i blog post

Un'intervista con Andreea Magdalina

Condividi questo articolo su
Gender1600

Dopo un meeting particolarmente frustrante in cui era l'unica voce femminile, Andreea Magdalina ha deciso di agire. Convinta sostenitrice del potere della comunità, Andreea ha fondato shesaid.so, una rete globale che mira ad eliminare gli stereotipi sui sessi nel mondo della musica e a supportare le donne loro percorso di carriera.Il suo approccio ha chiaramente avuto risonanza: quello che nel 2014 è nato come un piccolo gruppo di sue conoscenze immediate è ora divenuto un sistema internazionale comprendente più di 1600 membri, da Londra a Los Angeles.

andreea_1.jpgShesaid.so è il tipo di comunità i cui i membri si supportano realmente l'un l'altro, anche senza essersi mai incontrati. Ogni giorno, i membri si mettono in contatto via e-mail per discutere di lavoro, fornire contatti e condividere opportunità di formazione. Si incontrano anche faccia a faccia, ad esempio durante i gruppi di discussione mensili e gli eventi di networking in Europa e negli Stati Uniti, e prendono parte a conferenze e fiere per promuovere il lavoro femminile nel mondo della musica. Prossimamente Andreea lancerà un programma di mentoring, dando ai membri di shesaid.so l'opportunità di assistere le nuove generazioni - e di affrontare il problema della diversità alla radice.

Ci siamo seduti al tavolo con Andreea per parlare dell'evoluzione del gruppo, delle sue esperienze nell'industria musicale e dei prossimi passi per superare il divario tra i sessi nel mondo della musica.

Com'è nato shesaid.so? È stata un'esperienza in particolare a darti l'ispirazione per fondare il gruppo?

Avere un impatto positivo per le donne nell'industria della musica è sempre stato un mio obiettivo. Detto questo, in realtà shesaid.so è venuto alla luce solo dopo aver partecipato ad un meeting frustrante con un rispettabile conglomerato di imprese di mezzi di informazione nel Regno Unito. Ero l'unica donna al tavolo e la più giovane, e non mi sono mai sentita così piccola come in quel momento. Shesaid.so è nato la sera dopo quell'incontro.

Come si è evoluta la comunità di shesaid.so dagli albori?

Non ho mai immaginato che la nostra comunità sarebbe diventata così grande. Ho cominciato invitando donne che conoscevo grazie al mio lavoro del tempo, circa una ventina all'inizio. Abbiamo iniziato a condividere opinioni, progetti, contatti - tutto quello che potesse aiutarci ad andare avanti. Un mese dopo abbiamo organizzato il nostro primo gruppo di discussione e da lì tutto si è diffuso in un lampo. Ora siamo presenti in più di 30 città, organizziamo eventi mensili a Londra e Los Angeles più altri eventi in tutto il mondo, e collaboriamo con alcune delle più importanti fiere e conferenze dell'industria musicale. Oggi la comunità di shesaid.so comprende più di 1600 donne in tutto il mondo.

Pensi di aver raggiunto i tuoi obiettivi con shesaid.so o ci stai ancora lavorando su?

Tanto per cominciare, volevo semplicemente riunire delle donne toste. Mettere in contatto le persone in rete e nel mondo reale è una risorsa estremamente preziosa e la forza della comunità è spesso sottovalutata dalla classe dirigente. Non appena abbiamo organizzato il nostro primo evento nell'Ottobre del 2014, ho sentito un'immensa quantità di energia positiva sprigionarsi da coloro che vi hanno preso parte. Hanno fatto il passaparola sulla comunità e in due giorni le partecipazioni sono triplicate. Ispirare così le persone non ha prezzo e credo che, nonostante la crescita, siamo rimasti piuttosto fedeli alla nostra identità originaria.

Parlaci un po' dei membri: quanti sono adesso, dove vivono principalmente e quali sono le loro esperienze pregresse?

Circa metà della nostra comunità vive a Londra e Los Angeles, e il resto è uniformemente presente nelle grandi città della musica come New York, Parigi, Berlino ed altre zone. Il nostro desiderio è quello di trovare nuovi membri in Asia e Sud America, dove non abbiamo una vera e propria presenza, tranne qualche eccezione. Abbiamo iniziato concentrandoci sui dirigenti donna, ma pian piano stiamo aprendo le nostre porte anche alle artiste. C'è un mix equilibrato di donne che ricoprono ruoli differenti, con diverso grado di anzianità e che appartengono a diversi generi musicali.

Quali sono stati per te i fattori più importanti nei rapporti con le persone che hai avuto modo di incontrare attraverso il gruppo o nei rapporti che hai visto creare agli altri?

Dal punto di vista personale, essere in grado di raggiungere persone provenienti da paesi meno sviluppati è stato un grosso traguardo. Ho visto donne provenienti da ambienti culturalmente repressi trarre ispirazione da noi e fare passi avanti nella loro carriera. È una cosa davvero toccante. Tantissime donne hanno trovato lavoro attraverso di noi, hanno imparato a negoziare per una retribuzione migliore, oppure ancora hanno trovato un modo migliore per affrontare una situazione importante. Sarebbe difficile determinare solo alcuni fattori di importanza, perché praticamente ogni e-mail che viene inviata è un'oasi di ispirazione e scoperta.

In precedenza hai lavorato tre anni per Mixcloud come Vice Presidente dei Contenuti e della Comunità. Cosa ne pensi della società in termini di approccio nei confronti delle donne?

Ero l'unica donna nel team di Mixcloud ma mi sentivo a casa con loro. Si impegnavano per attirare più donne, ma si trattava innanzitutto di un team di sviluppatori, ed è difficile trovare donne nel campo delle tecnologie. Mixcloud ha una grande etica e, come piattaforma, è interamente orientata alla comunità.

Come è nata la tua agenzia IAMJT? Come vengono rappresentati i valori di shesaid.so attraverso l'agenzia?

IAMJT è nata nell'estate del 2015, si tratta di un'iniziativa imprenditoriale tra me e mio marito. Non ci occupiamo di artisti donna al momento, ma sto utilizzando questa opportunità per scoprire di più sull'industria musicale, in un modo che solo un manager può fare. Utilizzo queste informazioni per capire le sfide che le donne si trovano ad affrontare nell'industria musicale e progetto nuove soluzioni per aiutarle attraverso shesaid.so. Questa è una delle ragioni per cui desidero così tanto aprire la comunità anche agli artisti. I due progetti vanno di pari passo.

Ci sono alcune donne che secondo te affrontano con approccio da leader e proattivo il posto occupato dal proprio genere sessuale nel mondo della musica?

In questo momento ci sono tantissimi leader donna nel mondo della musica. Da grandi artiste come Bjork e Erykah Badu fino ad arrivare ad organizzazioni come Discwoman e gal-dem, c'è un leader in tutte noi. Grazie a reti come le nostre, sempre più donne stanno emergendo e facendo notevoli progressi.

Infine, cos'altro credi che debba essere fatto per sostenere le donne che lavorano nell'industria musicale, in particolare quella della musica elettronica? Quali sono i prossimi progetti di shesaid.so?

L'ineguaglianza inizia in giovane età. La nostra priorità nel 2017 è quella di sviluppare programmi rivolti ai giovani per aiutarli ad ottenere supporto ed esperienza lavorativa attraverso la nostra comunità. Invitare donne provenienti da situazioni differenti a parlare nelle scuole e far assumere loro una posizione di leadership di fronte a ragazze giovani permette di inviare un messaggio semplice ma forte: puoi farcela anche tu. Per di più i giovani uomini crescono con una visione varia ed autentica del mondo, proprio come dovrebbe essere. Una delle ragioni per cui non ci sono abbastanza donne che ricoprono ruoli tipicamente maschili è che le ragazze non possono da subito far affidamento su fiducia in sé stesse e supporto. Il nostro obiettivo è cambiare questa situazione.

Shesaid.so è una comunità privata e prevede un breve processo di iscrizione. Per fare domanda visita il sito www.shesaid.so/get-involved

Articoli associati

Tutto pronto per pubblicare la tua musica?

Distribuisci la tua musica sulla più ampia selezione di piattaforme di streaming e negozi online a livello globale.

Inizia ora
Share Post:
Condividi questo articolo su
Newsletter iMusician

Tutto ciò che ti serve.
In un solo posto.

I nostri consigli per avere successo nel mondo della musica, offerte speciali e le ultime novità da parte di iMusician direttamente nella tua casella di posta! Tutto ciò di cui hai bisogno per coltivare la tua carriera musicale.