Skip to main content

*NOVITÀ* Pubblicare musica non è mai stato così semplice 🎵

Fai ascoltare la tua musica!
iMusician logo
Tutti i blog post

Come far crescere i follower della propria playlist Spotify

Condividi questo articolo su
How-to-grow-your-own-spotify-playlist-followers-2022

Anche a distanza di 16 anni dalla sua nascita, Spotify rimane una meraviglia globale nell'industria musicale ed è ancora una delle più importanti piattaforme di streaming musicale. Oltre a consentire ai musicisti di condividere la propria musica con i fan e gli ascoltatori di tutto il mondo, offre loro, così come a tutti gli utenti della piattaforma, lo stimolo creativo per lavorare con la musica di altri e creare playlist che chiunque può ascoltare.

In effetti, il potere delle playlist di Spotify è innegabile. Si dice che nel 2021 Spotify aveva in catalogo oltre 4 miliardi di playlist generate dagli utenti; solo nel 2020 sono state create oltre 1 miliardo di nuove playlist sulla piattaforma. Hai creato una playlist per conto tuo e stai cercando un modo per farla ascoltare ad altri appassionati di musica? In questo articolo ti daremo preziosi consigli per entrare in contatto con nuovi ascoltatori e far crescere organicamente i follower delle tue playlist su Spotify.

1. Ascolta la tua playlist e ascoltala spesso

Come ogni opera creativa realizzata da un artista, anche una playlist dovrebbe essere qualcosa che piace prima di tutto a te, in quanto creatore. Se vuoi che altre persone ascoltino la tua playlist, dovresti volerla ascoltare te prima di ogni altra persona. Un elevato coinvolgimento è fondamentale per la visibilità della playlist sulla piattaforma e quando viene creata una nuova playlist, il suo coinvolgimento dipende esclusivamente dal suo creatore. Ascoltare la propria playlist di Spotify è quindi il primo passo da compiere per assicurarsi la crescita del numero di follower della propria playlist. Può richiedere molto tempo e pazienza, ma se trascorri qualche settimana ad ascoltare attivamente la tua playlist ogni giorno, la piattaforma ti ricompenserà e il suo numero di follower aumenterà gradualmente.

Per ottenere risultati a lungo termine, è importante essere coerenti e rimanere ascoltatori appassionati nel tempo. L'algoritmo di Spotify è intelligente e si accorge subito quando una playlist viene trascurata o dimenticata dal suo creatore. Il numero di follower potrebbe quindi ristagnare e iniziare a diminuire. Il bello di Spotify, però, è che anche se vi capita di mettere da parte la vostra playlist, non dovrai far altro che ricominciare a seguirla regolarmente. In questo modo la sua visibilità aumenterà di nuovo e lentamente seguirà un nuovo flusso costante di ascoltatori.

Come suggerito in precedenza, ascoltare la propria playlist è molto più facile se la si ama davvero. È importante considerare il tuo pubblico di riferimento, la quantità di concorrenza che potresti dover affrontare e le nuove tendenze (ne parleremo più avanti), ma creare la playlist con l'intenzione di riflettere i tuoi gusti musicali e di includere i brani che desideri sintonizzare personalmente è fondamentale nel lungo periodo.

Inoltre, aggiungere musica solo in base a ciò che il tuo pubblico potrebbe desiderare di ascoltare, avrà un impatto pesante sul tuo marchio di fabbrica musicale. Non solo non rappresenterà la tua personalità, ma molto probabilmente finirai per creare un elenco che assomiglia ad altri. Questo avrà un impatto negativo sul tuo coinvolgimento e, di conseguenza, sul numero dei tuoi follower.

Suggerimento: assicurati al 100% che ogni traccia aggiunta alla tua playlist sia una canzone che ami. Se hai anche solo il minimo dubbio su un brano, non inserirlo.

Spotify playlist

Creare una playlist pubblica su Spotify

2. Trova la tua nicchia

È bello sapere che chiunque può creare la propria playlist, ma significa anche che la concorrenza è molto alta. Anche se resti fedele ai tuoi gusti musicali, può capitare che ti dedichi a un genere molto ampio e consolidato, il che renderà difficile distinguerti dagli altri artisti. È quindi fondamentale avere un focus chiaro sulla propria playlist.

Un modo per stabilire la propria nicchia è quello di restringere il focus della playlist a un particolare sottogenere, tema o stato d'animo. L'obiettivo finale è quello di essere il più specifici possibile per far sì che la tua playlist si distingua dalle altre. Non esitare a fare brainstorming e a sperimentare per vedere quale tipo di musica risuona di più con il tuo pubblico, ma resta fedele anche alla musica che ti appassiona. Pensa a quali generi, tipi di tracce e/o artisti ami e vorresti includere nella tua playlist. Giocando con piccoli frammenti ed emozioni distintive delle canzoni e della musica che ti piacciono, potrai creare una playlist unica che attirerà l'attenzione degli altri!

La musica è in continua evoluzione, con l'emergere di nuove tendenze e sottogeneri. Una playlist unica può anche essere quella che si concentra su modelli particolari che riflettono le tendenze attuali o potenziali future. Creare una playlist di questo tipo può essere più difficile, in quanto implica una ricerca e una creatività sostanziali, ma può anche essere più gratificante, in quanto offre a te e ai tuoi ascoltatori un'esperienza di ascolto speciale. L'ascolto di una grande quantità di musica di tutti i generi può aiutarti a scoprire modelli insoliti e a elaborare idee interessanti. Puoi modificare la tua playlist in qualsiasi momento, quindi non aver paura di provare qualcosa di nuovo: potrai sempre rimuovere i brani non adatti o aggiungerne di nuovi che si adattino meglio allo stile specifico della tua playlist.

3. Aggiungi un titolo e una descrizione efficaci

Così come la playlist deve distinguersi, anche il titolo e la descrizione devono farlo! È qui che le parole chiave assumono un ruolo importante. Infatti, le parole chiave sono i termini che gli ascoltatori cercheranno per trovare la playlist perfetta.

Il titolo migliore è quello che è descrittivo e unico allo stesso tempo e che delinea perfettamente il tipo di musica che gli ascoltatori vi troveranno. Proprio come il contenuto della playlist, anche il titolo deve essere specifico. Scegliere un titolo generico, come "Musica pop" o "Country Folk", non aiuterà né te né il tuo potenziale pubblico. Puoi pensare al sottogenere, allo stile, all'umore, al tema o anche a un periodo specifico su cui si concentra la tua playlist e poi combinare un termine generale con uno più specifico per chiarire la selezione generale della playlist. Se la tua playlist interseca due o più generi, cerca di giocare e di scegliere un titolo accattivante. Titoli di playlist come "90s Summer Rock" o "Winter Chill 2022" hanno maggiori probabilità di attirare l'attenzione del tuo pubblico e di aiutarti a distinguerti dagli altri.

È importante tenere presente che il titolo e la descrizione sono ricercabili all'interno di Spotify, quindi ciò che si inserisce in entrambi è importante. Molti utenti di Spotify possono cercare direttamente determinati artisti senza conoscere bene il genere o lo stile musicale. La descrizione è quindi un luogo perfetto per aggiungere i nomi di alcuni artisti popolari inclusi nella playlist. Si possono anche citare alcuni generi aggiuntivi che possono essere trattati nella playlist.

Spotify playlist edit

Modifica del titolo e della descrizione di una playlist di Spotify

Ci sono molti siti web che possono aiutarti a esplorare e scoprire i generi musicali adatti alla tua playlist Spotify. Su Last.fm e Chosic, è possibile cercare artisti rilevanti e vedere a quali generi e sottogeneri sono più comunemente associati. Google Trends può poi aiutarti a misurare e confrontare la popolarità di particolari nomi di generi e a scegliere quelli più utili.

Last fm beth hart imusician

Il profilo di Beth Hart su Last.fm

4. Scegli un’immagine di copertina d’impatto

Le immagini hanno il potere di evocare emozioni e attirare così l'attenzione e gli spettatori verso i contenuti creati. Inoltre, il cervello tende a elaborare i dati visivi 60.000 volte più velocemente rispetto a quelli testuali. Una copertina d'effetto può attirare i potenziali ascoltatori ad aprire la playlist per vedere cosa c'è dentro. Ogni genere musicale, sottogenere e stato d'animo richiederà un diverso tipo di estetica visiva e, per scegliere quella giusta, si può trovare grande ispirazione in vari artisti e copertine di album. Anche le piattaforme con un forte orientamento visivo, come Pinterest o Instagram, possono aiutarti a decidere l'immagine più accattivante per la copertina della tua playlist.

Anche la realizzazione di una copertina è un'attività creativa e alcuni musicisti potrebbero voler partecipare anche a questa attività. Se il design è un'altra tua passione o semplicemente qualcosa che ti piace fare nel tempo libero, potrai utilizzare un software di design grafico, come Canva o VistaCreate, che ti aiuterà a creare design professionali tramite potenti funzioni gratuite o a pagamento.

Potresti anche imbatterti in vari artisti di cui ti piace l'opera e che potresti voler utilizzare per la tua immagine di copertina. In questo caso, ti consigliamo di contattare l'artista e chiedere se puoi accreditare l'autore nella descrizione della playlist. Se si utilizza l'opera di qualcuno senza il suo permesso, l’artista potrebbe chiederne la rimozione.

Infine, ci sono molti siti web che offrono immagini gratuite, come Pexels, Unsplash o Pixabay. Potrebbero essere utili, soprattutto per le playlist con un tema o uno stato d'animo particolare!

Canva spotify playlist cover templates

I modelli di Canva per le immagini delle playlist di Spotify

5. Concentrati sulla qualità

È estremamente importante scegliere con cura i brani da includere nella playlist. Non c'è limite al numero di brani che una playlist può contenere, ma ciò che conta di più è la qualità di quelli che vi sono inseriti. È facile dire che la propria playlist si concentra su un particolare stile musicale, genere o stato d'animo, ma è piuttosto difficile attenersi davvero a questo principio, e più la playlist è grande, più diventa difficile mantenere un alto livello di qualità. Creare una playlist unica che si distingua è fondamentale, ma è anche importante mantenere il pubblico coinvolto e interessato alla playlist per un periodo di tempo più lungo. È quindi fondamentale, come sottolineato nel primo consiglio del nostro articolo, dedicare un tempo adeguato all'ascolto della playlist.

Assicurati che ogni traccia della playlist sia curata con l'intento di adattarsi al tema generale della playlist e di rappresentare la tua personalità musicale. L'inserimento di brani solo per aumentarne il volume può danneggiare le caratteristiche generali e quindi la qualità della playlist, facendola sembrare trascurata e mal gestita. I tuoi ascoltatori in quel caso sarebbero molto veloci nel preferire altre playlist.

Inoltre, bisogna essere consapevoli dell'effettiva popolarità delle playlist rispetto agli album. Già nel 2016 è stato riportato che le playlist rappresentano il 31% del tempo di ascolto in tutte le fasce demografiche, mentre gli album rappresentano il 22%. Gli studi dimostrano inoltre che il 40% degli ascoltatori moderni preferisce ascoltare le playlist, soprattutto per migliorare la propria esperienza di ascolto. Con l'enorme quantità di brani pubblicati ogni giorno, gli ascoltatori sono diventati più selettivi su ciò che ascoltano. Le playlist offrono un ottimo strumento per farlo, rendendo più facile che mai l'ascolto di un particolare genere, sottogenere, stile musicale o musica prodotta da artisti in un arco di tempo specifico.

Gli esseri umani sono anche dotati di una spiccata curiosità. Le playlist che offrono al pubblico l'opportunità di esplorare e scoprire nuovi brani di grande qualità hanno maggiori probabilità di mantenere attiva l’attenzione per ore. Inoltre, se la musica è ben curata, è più probabile che gli ascoltatori tornino ad ascoltare la playlist più volte.

6. Aggiungi dei classici alla tua playlist

Anche se è vero che le persone cercano di trovare nuove tracce da ascoltare e apprezzare, l'aggiunta di brani ampiamente popolari e, soprattutto, adorati può avere un impatto positivo sulla tua playlist e sul numero dei tuoi follower. Questo perché la musica ha il potere di evocare emozioni intense e suscitare ricordi importanti, per cui tendiamo a sviluppare un forte legame e un attaccamento emotivo alle canzoni che ci colpiscono in questo modo.

Le persone sono appassionate delle loro canzoni preferite anche dopo averle ascoltate per la milionesima volta e possono emozionarsi se ne vedono alcune nella playlist che hai creato. Se ci sono dei classici che ami e che sono rilevanti per la tua playlist, non esitare a includerli. Considerando che su Spotify ci sono più di 420 milioni di utenti attivi all'anno, è molto probabile che anche altri ascoltatori amino questi classici!

7. Inserisci le tracce migliori in cima alla playlist

La parte superiore dell'elenco può essere considerata una sorta di introduzione ai brani che hai curato. Anche se ora non è più necessario ascoltare una playlist nell'ordine in cui è stata creata, i primi brani sono quelli che catturano l'attenzione degli ascoltatori e possono giocare un ruolo decisivo nel modo in cui percepiscono la playlist. Se questa piace, è probabile che si continui ad ascoltarla, altrimenti si potrebbe cercare un'altra playlist e trovarne sicuramente una che faccia di più al caso proprio.

I primi 10 brani della tua playlist devono quindi essere scelti con estrema cura, rappresentando i tuoi brani preferiti e il meglio che la tua playlist può offrire.

Conclusione

Le playlist svolgono oggi un ruolo estremamente importante nel settore dello streaming musicale. In questo articolo abbiamo elencato alcuni consigli chiave da seguire per far crescere organicamente i follower delle tue playlist su Spotify. L'ultimo consiglio, non menzionato in precedenza, è quello di mantenere la pazienza.

Far crescere il pubblico della tua playlist Spotify significa prendersi il tempo necessario per costruire e curare qualcosa che ami, in modo che anche gli altri possano fare altrettanto. Non bisogna quindi avere fretta e aspettarsi migliaia di nuovi follower ogni giorno. La chiave è rimanere appassionati nei confronti della musica che ami e inserisci nella tua playlist e notare e celebrare anche i più piccoli progressi ottenuti.

Non ne hai mai abbastanza delle playlist di Spotify? Leggi e impara di più nella nostra guida alle playlist di Spotify in questo articolo.

Condividi questo articolo su
Newsletter iMusician

Tutto ciò che ti serve.
In un solo posto.

I nostri consigli per avere successo nel mondo della musica, offerte speciali e le ultime novità da parte di iMusician direttamente nella tua casella di posta! Tutto ciò di cui hai bisogno per coltivare la tua carriera musicale.

Loading...