Skip to main content

*NOVITÀ* Pubblicare musica non è mai stato così semplice 🎵

Fai ascoltare la tua musica!
iMusician logo
Tutti i blog post

Non è sicuramente l'afrobeat di una volta - Parte 1

Condividi questo articolo su
Afrobeat cover

Al momento la più grande rivoluzione musicale si sta verificando nel continente Africano. In paesi come il Sudafrica, la Nigeria, il Ghana, l'Angola e il Mali la musica urbana dei locali si mescola con gli stili tradizionali. Parallelamente, città europee come Londra, Parigi e Lisbona stanno definendo la loro singolare interpretazione delle innovazioni della musica africana.

Il rapper canadese Drake ha superato ogni record nel 2016 quando la sua canzone "One Dance", realizzata insieme al cantante nigeriano Wizkid, è stata riprodotta più di un miliardo di volte in tutto il mondo. Drake era già un rapper famoso in tutto il mondo con numerose hit pop da disco di platino. Ma la peculiarità di "One Dance" è stata proprio la collaborazione con Wizkid, una delle popstar più famose dell'Africa occidentale i cui video musicali avevano già centinaia di milioni di visualizzazioni su YouTube prima dell'uscita di "One Dance". Drake non ha solo ottenuto un successo mondiale con la sua canzone, ma soprattutto ha portato a termine l'impresa di ampliare il suo pubblico in Africa: non è sbagliato aspettarsi milioni di fan africani di Drake in futuro.

L'apparizione come ospite di Wizkid è l'esempio lampante di quanto il movimento afrobeats dell'Africa occidentale, così come la musica proveniente dal Sudafrica e dall'Angola, siano diventate importanti per il resto del mondo pop - un energico impatto di hip-hop, afropop, musica house e musica da ballo proveniente da città come Lagos in Nigeria, Accra in Ghana, Luanda in Angola e Jo'burg in Sudafrica. Per anni la musica africana è stata etichettata come musica esotica nell'emisfero settentrionale. Tutto è cominciato negli anni '70 con Fela Kuti o Manu Diabango, a cui han fatto seguito le musiche tradizionali e folkloristiche delle compilation "World Music".Oppure, negli anni '80, album come "Graceland" di Paul Simon, in cui artisti occidentali invitavano musicisti africani per esibirsi come ospiti. Anche la superstar americana Beyoncé qualche tempo fa ha guardato all'Africa per trarre ispirazione su moda, danza e musica.

L'Afropop nel mondo

Ciò che sta accadendo adesso con Wizkid, Davido o Mr.Eazi, tuttavia, segue un percorso diverso: c'è una nuova generazione di artisti africani che non si limita semplicemente a reinterpretare gli stili occidentali per il pubblico di giovani africano, ma le cui canzoni e i video ad esse associati sono anche strettamente collegati alla cultura pop internazionale. In molti paesi dell'Africa subsahariana i cantanti, i rapper e le popstar carismatiche come Davido, Wizkid, Tekno, Mr.Eazi, Black Coffee, Cabo Snoop, D'Banji o Iyanya sono popolari tanto quanto Drake, Pharrell Williams o Riahanna. Le tendenze musicali provenienti dagli Stati Uniti, dalla Giamaica e da Trinidad sono integrate da questi giovani artisti a livello regionale e perciò completamente reinventate. Se clicchi su alcune delle canzoni di questo movimento su internet (le quali mostrano statistiche di visualizzazione su YouTube che molti artisti pop europei possono solo sognare), capisci immediatamente che se questo nuovo genere di pop può avere successo nel mercato musicale più importante del mondo, allora può averlo anche nel resto del mondo. Canzoni come "Dance for Me" di Eugene e Mr.Eazi o "No Kissing Baby" di Patoranking sono cantate principalmente in inglese, ma sembrano essere fatte apposta per le classifiche americane.

Anche i video musicali si rivolgono ad un pubblico pop globale. Gli status symbol risplendono come nei video dei rapper americani. Ma a livello di ritmo, la musica attuale dell'Africa occidentale, del Sudafrica o dell'Angola è molto più avanzata della sua controparte americana o europea. Influenze regionali diverse si mescolano con i ritmi complessi che distinguono la musica dell'Africa occidentale o del sud dal resto del mondo. E così i ritmi complessi dell'Africa tra electronic dance music, r'n'b e hip-hop rappresentano una speranzosa via d'uscita dalle sempre più limitate possibilità dei generi tradizionali. Anche l'afrobeat comunque non è esente da critiche. Il genere è stato etichettato utilizzando un appellativo confuso che associa il genere più recente con l'"Afrobeat", il genere jazz e afro-funk creato da Fela Kuti in Nigeria negli anni '70.

Al contrario, il moderno stile musicale afrobeat, che è pesantemente influenzato dall'auto-tune e dall'elettro hip-hop con caratteristiche accattivanti rappresenta la musica dei millennial africani, prodotta attraverso la condivisione sui social media e frequenti passaggi in radio. La musica di Fela Kuti, conosciuta per le canzoni fino a venti minuti di durata, di solito contenenti un importante messaggio sociale, non potrebbe essere più distante dalla musica odierna in relazione a questi aspetti. Quindi per molti fan di musica africana associare i due generi è quasi blasfemo. Nonostante ciò l'afrobeat odierno domina i locali e le emittenti radio dell'Africa da ormai parecchi anni, con nuovi mercati e ascoltatori da far divertire in altre parti del mondo.

Un continente giovane

Probabilmente anche la popolazione gioca un ruolo chiave nel successo della musica pop africana odierna. Mentre nella popolosa Europa la cultura pop è prevalentemente nostalgica, in molti paesi africani - dove l'età media in sei paesi su dieci è inferiore ai 24 anni - è parte soddisfatta del futuro digitale. La carriera globale multimilionaria che alcuni artisti africani hanno intrapreso ha dato coraggio a molti altri. Dopotutto, non è mai stato così facile pubblicare musica. È sufficiente uno smartphone per registrare una canzone, produrne la melodia e il ritmo, e caricarne il risultato come video musicale su YouTube, rendendola accessibile al pubblico globale. Oltre a Drake, altri rapper americani hanno da tempo riconosciuto i segni di questo cambiamento di rotta. Kanye West ha già preso i cantanti nigeriani D'Banj e Don Jazzy sotto la sua etichetta nel 2011 e il rapper sudafricano AKA ha pubblicato la sua musica sotto l'etichetta Roc Nation, di proprietà del marito di Beyoncé, Jay Z.

Il successo di Wizkid, Drake e degli altri si riflette anche nell'impressionante crescita di figure nell'industria musicale africana. In Kenya, Sudafrica e Nigeria, le nazioni più sviluppate del continente dal punto di vista economico, così come in molti altri paesi africani, negli ultimi anni si è sviluppata una nuova classe media connessa digitalmente. Questo pubblico rispecchia gli abitanti dell'emisfero settentrionale nel loro consumo di mezzi di informazione e nella loro passione per i social network e gli status symbol.

Un'analisi del 2016 condotta dallo studio contabile Pricewaterhouse Coopers mostra che la rapida crescita dell'industria musicale africana è da attribuirsi a tre fattori: accesso ad Internet, streaming e popolazione.

L'industria musicale sudafricana prevede una crescita annuale del 4,4% nel futuro, guidata da un aumento dei ricavi provenienti dallo streaming musicale digitale. Le vendite nell'industria musicale nigeriana sono cresciute più del 12% nel 2015 in rapporto all'anno precedente - e si spera che le vendite supereranno gli 86 milioni di dollari nel 2020. Allo stesso modo, il Kenya aumenterà i suoi guadagni da 19 milioni di dollari a 29 milioni di dollari entro il 2020 nei prossimi cinque anni come risultato della forza del settore della musica mobile. In molti paesi africani l'insufficiente distribuzione della rete, le deboli leggi sulla proprietà e la pirateria dilagante pongono delle sfide per una crescita sostenibile. Ma a lungo termine il futuro della musica pop è nelle mani dell'Africa.

La prossima settimana vedremo come l'Europa affronta la rivoluzione musicale africana, soffermandoci su città come Londra, Parigi e Lisbona.Saperne di più: NON È SICURAMENTE L’AFROBEAT UNA VOLTA – Parte 2

Condividi questo articolo su
Newsletter iMusician

Tutto ciò che ti serve.
In un solo posto.

I nostri consigli per avere successo nel mondo della musica, offerte speciali e le ultime novità da parte di iMusician direttamente nella tua casella di posta! Tutto ciò di cui hai bisogno per coltivare la tua carriera musicale.

Loading...