Skip to main content

*Novità* Raccogli i pre-save fin da subito con Artist Hub Pro💚

Artist Hub
iMusician logo
Tutte le guide

Come trovare i curatori di playlist Spotify indipendenti giuste per la tua musica

  • 05 gennaio 2022, mercoledì
Condividi questa guida su
Smartphone with Spotify curators

Molte playlist indipendenti contano migliaia di follower, essere inclusi in una di queste può attirare nuovi fan e far aumentare gli stream. Se sei presente in molte playlist indipendenti importanti, aumentano anche le probabilità di essere incluso nelle playlist ufficiali Spotify. Ma come fa un musicista a trovare queste playlist?

Se hai pubblicato già qualcosa, controlla Spotify for Artists per vedere se ci sono playlist che hanno fatto aumentare i tuoi stream: se sei già stato incluso in una playlist, è probabile che il curatore ti includerà di nuovo.

Esistono due modalità per trovare nuove playlist: cercare autonomamente curatori/playlist adatti a te o utilizzare qualche sito che aggrega playlist e permette di proporre gratuitamente le tue tracce. Ti suggeriamo di utilizzare entrambi gli approcci, quindi li esamineremo tutti e due separatamente. Come prima cosa, comunque ci sono due cose da tenere a mente quando si contattano i curatori di playlist Spotify. Quindi, prima di entrare nel vivo dell’argomento ricorda che:

  • Pagare per essere incluso in una playlist va contro le regole di Spotify. Ignora qualsiasi curatore che ti chieda dei soldi per essere incluso in una playlist, infatti pagare per una playlist indipendente potrebbe anche impedirti di essere incluso in una playlist ufficiale.
  • A differenza di quando si propone la propria musica alle playlist ufficiali di Spotify, per l'invio a playlist indipendenti devi aspettare che la tua musica sia già su Spotify e utilizzare i link diretti di Spotify, quindi calcola bene i tempi di distribuzione. Magari potresti condividere un link di anteprima prima di pubblicare una traccia, ma in questo modo ti stai affidando al curatore di Spotify che dovrebbe appuntarsi la data di pubblicazione e successivamente cercarsi il relativo link di Spotify quando sarà disponibile. Be’, buona fortuna!

Free Spotify playlist submissions 2022 Style!

I siti per proporre la propria musica alle playlist sono creati appositamente per consentirti di cercare playlist adatte alla tua musica e inviare brani da un unico hub. Uno dei migliori strumenti di questo tipo è Soundplate.

Vai sulla loro pagina per proporsi in modo gratuito alle playlist e seleziona il genere della tua canzone per vedere le playlist adatte. Cliccando su ognuna di queste playlist potrai visualizzare in anteprima le tracce incluse. Assicurati che la tua traccia sia adatta alla playlist a cui ti stai proponendo! In caso contrario, non sprecare il tuo e il loro tempo e continua a cercare!

Una cosa molto importante: i generi catalogati da Spotify potrebbero essere leggermente differenti da quelli di altri portali musicali, quindi per esempio quella che potrebbe essere House su Beatport o Funky House/Nu-Disco su Traxsource su Spotify potrebbe essere definita LoFi House. Vale davvero la pena dedicare un po' di tempo a studiarsi le playlist di tutti i diversi generi a cui il tuo brano potrebbe appartenere prima di decidere a quali proporsi: il modo in cui la tua traccia viene classificata nell'universo di Spotify potrebbe sorprenderti! Ancora di più se utilizzi siti che offrono servizi a pagamento per la presentazione di brani alle playlist.

Dovresti inoltre studiarti i curatori delle playlist che ti interessano, seguirli su Instagram e Spotify (anche le loro playlist) per capire meglio la loro reach e se vanno bene con la tua musica. Inoltre questo è anche un buon modo per acquisire nuovi follower, seguendo loro è probabile che ricambieranno e anche i relativi follower ti seguiranno. E come abbiamo già visto, più follower significa più persone con cui condividere la tua musica e più persone che riceveranno le tue nuove uscite nel loro Release Radar.

Ok, quindi quando sei pronto, clicca su “Invia Musica”. Se è la prima volta che lo fai, dovrai accettare di seguire le playlist di Soundplate e condividere alcune informazioni artistiche e fornire i tuoi contatti e il link della traccia. A differenza di una playlist Spotify ufficiale, non ti verrà richiesta alcuna informazione biografica.

Potrai proporti a tutte le playlist che desideri e scegliere tra più generi per trovare quelli che meglio si adattano alla tua musica, ma ricorda... scegli solo quelli che vanno bene per la ua musica!

Un altro servizio molto popolare è SubmitHub che funziona in modo simile, ma in questo caso è anche possibile acquistare crediti che consentono un numero illimitato di invii e garantiscono un tempo minimo di ascolto e feedback scritti da parte di chi cura la playlist (ma questo non garantisce l’accettazione nella playlist). Puoi anche utilizzare questo sito per proporti a blog e influencer di Instagram (anche molti curatori di playlist su Spotify offrono queste due cose).

Submit a track for this Playlist Spotify

Potrai proporti a tutte le playlist che desideri e scegliere tra più generi per trovare quelli che meglio si adattano alla tua musica, ma ricorda... scegli solo quelli che vanno bene per la ua musica!

Un altro servizio molto popolare è SubmitHub che funziona in modo simile, ma in questo caso è anche possibile acquistare crediti che consentono un numero illimitato di invii e garantiscono un tempo minimo di ascolto e feedback scritti da parte di chi cura la playlist (ma questo non garantisce l’accettazione nella playlist). Puoi anche utilizzare questo sito per proporti a blog e influencer di Instagram (anche molti curatori di playlist su Spotify offrono queste due cose).

Potresti anche dare un’occhiata a questi altri siti per proporre le tue tracce alle playlist:

L'approccio diretto: costruirsi una propria lista contatti di curatori di Playlist Spotify

Il vantaggio qui è avere un’ampia gamma di playlist musicali, e anche avere un contatto diretto con etichette e influenti curatori di playlist Spotify. Non si tratta di una scorciatoia, ma comunque non ti ci vorranno più di un paio d'ore per creare la tua lista contatti di curatori di playlist Spotify.

Comincia creando un foglio elettronico con diverse colonne in cui inserire il nome playlist, il nome contatto, l’email contatto ed eventuali note (artisti, tracce ed etichette incluse nella playlist).

Chiedi ad altri artisti e fan del tuo genere di musica quali playlist seguono. Scegli alcuni artisti famosi che fanno il tuo stesso genere (pop, indie, elettronica, eccetera) e visualizza la loro pagina profilo Spotify per vedere in quali playlist appaiono. Anche le etichette compilano spesso le proprie playlist, quindi dai un’occhiata alle etichette che segui.

Di ogni playlist puoi leggere il nome del curatore, e nella descrizione molti aggiungono anche il proprio indirizzo e-mail, i vari account social, il nome reale e il proprio blog. Alcuni hanno anche un collegamento al proprio account Facebook. Se non ci sono queste informazioni, cercati autonomamente il blog del curatore, il nome della playlist o il nome del curatore su LinkedIn o Twitter, ecc.

Quando hai trovato i curatori delle playlist che ti interessano, scrivigli un amichevole messaggio di presentazione. Segui le loro playlist, riproduci alcuni dei brani e inizia dicendo loro cosa ti piace delle loro selezioni. Una volta entrati in confidenza, parlagli del tuo progetto e perché pensi che la tua musica possa andare bene.

Potrebbe volerci più di un tentativo prima che succeda qualcosa, quindi non essere invadente e non prenderla sul personale se non ti includono subito in una playlist. Non significa che la tua musica non sia valida, magari semplicemente non vai bene nelle loro playlist, ma non arrenderti!

E nel frattempo, dai un’occhiata alle nostre playlist per iniziare.

Qui a iMusician abbiamo le nostre playlist divise per genere (inviaci la tua musica!). Ad esempio, puoi scoprire alcuni dei nostri artisti elettronici emergenti preferiti con la playlist i'M Electronic.

Costruirsi una propria strategia per le playlist

Essere inclusi su playlist importanti è fondamentale per avere successo su Spotify, ma come diciamo nella nostra guida Spotify for Artists, che tu sia un artista indipendente, un’etichetta o tutte e due le cose, creare e condividere le proprie playlist è un ottimo modo per interagire con i fan. Che si tratti di influenze personali, musicisti nuovi che apprezzi o momenti salienti della tua carriera, la musica che condividi mostra ai tuoi fan chi sei.

Una playlist di Spotify è ottima anche per farsi pubblicità. Stai andando in tour? Crea una playlist di brani degli altri artisti con cui condividerai il palco. Hai fatto un fantastico DJ set? Condividi la scaletta. Sono cose che ti fanno acquisire fan e potresti anche cominciare collaborazioni creative con gli artisti che hai incluso nella tua playlist.

Cos'altro c’è da sapere? Come già detto nella nostra guida Spotify for Artists, le playlist vengono create tramite il tuo account ascoltatore/utente, quindi dovresti creare un nuovo account gratuito per gestire la tua pagina Spotify for Artists e utilizzarlo per creare le tue playlist condivisibili.

Inoltre aggiorna le tue playlist regolarmente. Pubblicare e aggiornare sempre nello stesso giorno aiuta i tuoi ascoltatori a sapere quando tornare a prendersi la loro dose di nuova musica.

Per aggiornare le playlist, hai tre possibilità: continuare ad aggiungere nuovi brani a una playlist già esistente, sostituire i brani vecchi con brani nuovi o creare una nuova playlist. Con i primi due metodi comincerai con gli stessi follower, ma con il primo potresti ritrovarti con una playlist molto grande e piuttosto scomoda mentre con il secondo potresti far incavolare qualcuno a cui hai cancellato le tracce preferite! Il terzo metodo invece comporta cominciare da zero, anche per quanto riguarda i follower, quindi avrai bisogno di follower importanti (magari artisti o musicisti) e/o un buon lavoro social!

Nota bene che anche Soundplate ti consente di proporre le tue playlist, e questo potrebbe essere un buon modo per ricevere nuova musica e promuovere la tua playlist.

Per quanto riguarda la lunghezza, le playlist dovrebbero durare almeno 45-60 minuti (circa 15-20 brani), ma se c’è qualità non c'è nulla di male nel farle lunghe il doppio o il triplo.

Un’altra cosa importante è presentare una nuova playlist solo quando l’hai completata, quindi assicurati che le playlist siano in modalità "privata" mentre le stai completando (deseleziona "Rendi pubbliche le mie nuove playlist" nelle Impostazioni del tuo account).

Anche la presentazione è importante. La descrizione della tua playlist offre alle persone un motivo per iscriversi e seguire anche il tuo profilo ed è anche un'opportunità per una "call to action" (tipo “Segui per playlist settimanali” o “Preordina la mia ultima uscita in vinile”) o per aggiungere link al tuo sito web o social media, per pre-ordinare dischi e cose del genere.

Per quanto riguarda la grafica, Spotify genera automaticamente un mosaico predefinito dalle copertine delle prime quattro tracce della tua playlist. Se vuoi personalizzare la copertina di una playlist secondo il tuo stile, prova a metterci qualcosa che rappresenti te o la tua etichetta.

Una volta che hai finito una playlist, aggiungila al tuo profilo artista. Vai sul tuo profilo Spotify for Artist e clicca su modifica "Artist Playlist". Potrai selezionare una qualsiasi delle tue playlist pubbliche dal tuo account privato. Non dimenticare di aggiungerne una dedicata ai tuoi brani preferiti!

Condividi questa guida su
Newsletter iMusician

Resta aggiornato

Rimani aggiornato su tutte le ultime notizie, tendenze, consigli, trucchi sul mondo della musica. Tutto ciò di cui hai bisogno per far crescere la tua carriera musicale direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Loading...