Skip to main content

*NOVITÀ* Pubblicare musica non è mai stato così semplice 🎵

Fai ascoltare la tua musica!
iMusician logo
Tutti i blog post

Cosa sta succedendo all'industria del vinile?

  • Jordan
  • 29 settembre 2021, mercoledì
Condividi questo articolo su
Cosa succede all'industria del vinile

Is it yet another inevitable change in the music business or a threat bigger than Corona for independent record labels?

Nella prima metà del 2021, le vendite di vinili sono cresciute del del 94% secondo la RIAA. Il fatturato della musica registrata negli Stati Uniti è cresciuto di 1,5 miliardi di dollari (+27%). La crescita è guidata principalmente dallo streaming musicale e dagli abbonamenti premium a negozi come Spotify, Apple Music e Deezer, con un aumento del 13% rispetto alla prima metà del 2020.

Possiamo osservare questa crescita non solo negli Stati Uniti ma anche oltreoceano con la Germania che ha ottenuto 1 Miliardo di dollari di entrate dalla musica registrata, con +12,4% (Fonte: Music Business Worldwide).

German Music Industry 2021

E cosa è successo alle vendite di vinili? Sono esplose.

Negli Stati Uniti, le vendite di vinili hanno visto una crescita del 108% durante la prima metà del 2021. Visto che stiamo vedendo lo stesso in Europa, qual è il problema? La gente compra i vinili, quindi le etichette e gli artisti dovrebbero esserne felici, giusto? Non così in fretta.

Come menzionato da The Guardian, gli impianti di pressatura dei vinili stanno lottando per soddisfare la domanda, e le etichette ben finanziate stanno cercando di saltare la coda. Come se non bastasse, c'è una carenza di PVC, che provoca ritardi da parte dei fornitori all'impianto di pressatura, quindi non riescono a tenere il passo con i soliti ritardi di produzione. Un paio di decenni fa, potevamo stampare i dischi in poche settimane, mentre oggi dobbiamo aspettare tra i 6 e i 12 mesi. Se sei un'etichetta discografica o un artista con i file audio e i file di stampa dell'artwork pronti per essere inviati all'impianto di stampa, dovrai aspettare quasi un anno per avere il tuo vinile nelle tue mani. Questo non è sostenibile.

Per approfondire i fattori e le conseguenze della carenza di produzione di vinili, abbiamo intervistato Mirko Gläser, proprietario dell'etichetta indipendente tedesca Uncle M Music.

Mirko Gläser

Mirko Gläser, proprietario di Uncle M

Mi chiamo Mirko Gläser. Sono il proprietario dell'azienda musicale ibrida Uncle M, con sede sulla costa tedesca del Mare del Nord. Ci vediamo come un mix di etichetta, agenzia di marketing/PR, editore musicale e consulenti per attualmente circa 75 band e numerose etichette internazionali.


Sono attivo nel business delle etichette dall'inizio degli anni '00 e nei primi anni, durante le fasi di maggior successo, ho accompagnato con il mio lavoro band come The Gaslight Anthem, Flogging Molly, Gogol Bordello, ma anche i Donots, Itchy o 100 Kilo Herz. Siamo legati ad iMusician tramite la band Attic Stories, che pubblica le sue canzoni nel nostro dipartimento di editoria musicale Oh Lumiere.

Può dirci cosa sta succedendo con i prodotti in vinile e gli impianti di pressatura?

Ci sono molte ragioni per spiegare quello che sta succedendo. (Anche) a causa del Coronavirus, c'è una crisi delle materie prime in molte industrie nel mondo. I prodotti a base di legno e petrolio (che è il caso dei LP: PVC e carta sono i componenti principali in questo caso) stanno vivendo massicci aumenti di prezzo, innescati da un'enorme domanda nel settore edile e manifatturiero negli USA e in Cina. Certamente a complicare le cose qui c'è il fatto che le continue chiusure dei porti cinesi a causa delle epidemie locali di COVID hanno causato un immenso affaticamento della catena di approvvigionamento e alla logistica. Inoltre, le enormi quantità di energia richieste per la pressatura costano sempre di più da diversi anni - per non parlare della necessaria compensazione di CO2. Nel complesso, i prezzi medi di produzione sono aumentati fino al 60% dall'inizio del 2021.

Ma c'è un altro importante fattore di complicazione: Il vinile è in pieno boom da diversi anni e, al più tardi dalla fine del 2019, è diventato di nuovo un trend anche per le grandi case discografiche, che ora stampano le loro nuove uscite e anche i loro giganteschi cataloghi precedenti in quantità sempre maggiori. Intorno al 2010, in Germania sono stati venduti 700.000 dischi in vinile; nel 2020, la cifra era di circa 4,2 milioni - e in aumento.

Tuttavia, ed è qui che si pone il problema: c'è solo un piccolo numero di stamperie tedesche e internazionali che potrebbero produrre anche queste quantità. A parte alcuni piccoli produttori di fai da te, ci sono forse 3-4 fornitori in Germania che potrebbero essere chiamati per una tale produzione di massa. In tutta Europa ce ne sono meno di 10. La produzione del vinile è un processo molto manuale - dalla creazione del master alla miscelazione di colori speciali. I fan del vinile si sono abituati negli anni a ottenere elaborate combinazioni di colori (splatter, metà e metà, tuorlo d'uovo, ...) - e ciò causa agli impianti di pressatura locali enormi problemi (di tempo) per produrre questo sulle loro macchine dall'aspetto antico.

Un grande leader dell'industria ci ha raccontato di essere in ritardo con più di 1 milione di supporti sonori, che corrisponde a un anno di produzione nel suo impianto di pressatura!

In breve

  • Concorrenza massiccia e lotte per i pochi slot di stampa disponibili

  • Sotanzioso aumento dei prezzi

  • Interruzione della produzione per mancanza di materie prime

Com'era prima?

Neanche 2 anni fa, la situazione appariva molto diversa. Il tempo medio per la produzione di un'edizione LP (non importa in quale quantità) era circa 6 settimane per arrivare alla consegna di una stampa di prova, che necessita poi di altre 6 settimane per l'uscita in produzione. Quindi 3 mesi tra il momento in cui una band esce dallo studio e il momento di una possibile consegna della merce ai negozi di dischi e alle vendite per corrispondenza.

Oggi si parla di 8-10 settimane per la stampa di prova e almeno 6 mesi (in aumento!) per la produzione del merchandise.

La minaccia

Il punto cruciale è prima di tutto ciò: in realtà, oggi una band dovrebbe presentare l'artwork già finito allo stabilimento di stampa alcune settimane PRIMA ddi iniziare a refgistrare in studio e presentare anche già informazioni dettagliate sull'ordine previsto (numero di pezzi, diversi colori di vinile, ecc.). Naturalmente, questo accade di solito, perché la maggior parte delle band se ne occupa DOPO aver registrato in studio (cioè lo offrono a partner esterni) e lanciano la campagna dopo. E' anche diventato quasi impossibile conciliare questi tempi folli con quelli, per esempio, delle agenzie di prenotazione e dei club, che stanno lottando anch'essi con tempi fuori controllo dopo COVID e sono attualmente anch'essi per lo più prenotati con 12-18 mesi di anticipo.

E' chiaro dove sta portando tutto ciò: Mentre gli esordienti in particolare hanno beneficiato in passato del fatto che campagne ben incastrate si sostengono a vicenda (ad esempio un tour per l'album che genera una doppia attenzione e una campagna promozionale trainata dalla stampa nazionale a quella regionale), oggi devono essere fatti più tentativi strenui per raggiungere lo stesso obiettivo.

Anche la liquidità soffre massicciamente nelle nuove condizioni. La tendenza al pagamento anticipato è attualmente in aumento - in altre parole, sempre più studios, ma anche stabilimenti di stampa, vogliono ricevere i loro soldi al momento dell'ordine. Questi costi elevati sono rifinanziati dalle vendite di LP, che sono ora fino a 12 mesi nel futuro invece di 4. In passato, era facile colmare questo divario con una fase di prevendita anticipata e assicurare una liquidità rapida, ma ora il rischio è sempre più spostato sulle spalle delle band o dei loro fan (onestamente: quale fan di una giovane band esordiente compra un album con 1 anno di anticipo?)

Per le etichette, questa pressione di liquidità si sta potenziando. Mentre prima davano i dischi alle stamperie uno dopo l'altro ed erano in grado di finanziare i costi del disco 2 con i ricavi del disco 1, ora sono costrette a prefinanziare diversi (a volte decine di) album simultaneamente a prezzi maggiorati - con una conoscenza incerta delle date di consegna e di uscita.

Rimane la questione di come questi problemi a breve termine influenzeranno il lungo termine. Anche senza la crisi del vinile, le band di piccole e medie dimensioni hanno avuto enormi problemi di (ri)finanziamento per recuperare i costi di studio e di stampa.

La triste conseguenza potrebbe essere: un improvviso declino delle stampe in vinile da parte degli artisti di nicchia.
placeholder

Di conseguenza, un'ulteriore standardizzazione degli album pubblicati su vinile (hit da classifica + re di nicchia), che metterà sotto pressione soprattutto i negozi di dischi specializzati e le vendite per corrispondenza (che già si trovano spesso ad affrontare il problema di far arrivare il nuovo materiale in negozio a causa del ritardo). In ogni caso, l'aumento dei prezzi delle materie prime e della produzione ha portato al fatto che un album in vinile medio non costa più 15-20 euro nei negozi, ma piuttosto 25-30 euro. I clienti compreranno solo gli album che vogliono VERAMENTE. Le scoperte o gli acquisti casuali diventeranno meno in futuro. (accompagnando si potrebbe anche chiedere quanti album un collezionista può permettersi mentre anche la sua ricchezza generale e il suo reddito netto sono colpiti da misure coronali e dalla crisi economica generale).

Molte band stanno già rispondendo alla crisi attuale pubblicando gli album prima in digitale e poi fisicamente 3 trimestri dopo - il che secondo me porterà ad ulteriori drammatici cali di vendite. Le vendite in vinile nei negozi ma anche in tour rappresentano circa la metà delle vendite di un album (l'altro 50% le band di solito lo vendono ai pre-ordinatori attraverso i loro webshop). Ho grossi dubbi che le vendite al tavolo del merch molti mesi dopo l'uscita digitale possano ancora tenere il passo qui, se i fan possono già conoscere l'album via Spotify dentro e fuori. In realtà, la conseguenza di questo pensiero dovrebbe essere quella di investire ancora più soldi nell'aptica e nel packaging - ma vedi sopra: I prezzi stanno già esplodendo per le stampe standard. Chi può e vuole permettersi edizioni da collezione ancora più costose?

Se le band e le etichette puntano a continuare a pubblicare in sincronia e a lanciare il marketing, i tour e altre attività promozionali in parallelo alle date di pubblicazione, allora attualmente non hanno altra scelta che allungare i loro tempi di uscita da 6 a 12-18 mesi dopo la registrazione dell'album - non importa a quale costo.

Condividi questo articolo su
Newsletter iMusician

Tutto ciò che ti serve.
In un solo posto.

I nostri consigli per avere successo nel mondo della musica, offerte speciali e le ultime novità da parte di iMusician direttamente nella tua casella di posta! Tutto ciò di cui hai bisogno per coltivare la tua carriera musicale.

Loading...