Skip to main content

💸NOVITÀ: Condividi i tuoi guadagni in modo semplice con Revenue Splits💸

Scopri di più QUI
iMusician logo
Tutti i blog post

La storia dei festival di musica elettronica

  • Martina
  • 03 agosto 2022, mercoledì
Condividi questa guida su
The history of electronic music festivals iMusician

I festival e le esibizioni dal vivo svolgono un ruolo cruciale nell'industria globale della musica elettronica, aggiungendo un'esperienza unica e magica ai suoi generi e sottogeneri. In questo articolo daremo un'occhiata al percorso storico dei festival di musica elettronica, lungo oltre due secoli, che li ha trasformati negli eventi musicali di massa che sono oggi.

Gli albori

I festival, in quanto spettacoli di musica dal vivo, si sono sviluppati molto indietro nel tempo, per lo più sotto forma di celebrazioni tradizionali "popolari", tra cui feste come le feste di primavera, le feste del raccolto, i riti di passaggio all’età adulta, le feste religiose e le ricorrenze, e molte altre ancora. L'origine dei festival, in senso commerciale, che conosciamo oggi, risale all'inizio del XIX secolo e affonda le sue radici nei festival di musica classica, seguiti da quelli di jazz nel dopoguerra (metà del XX secolo). L'inizio delle esibizioni di musica classica è segnato dai concerti di musica di J. S. Bach tenuti in Germania nel 1829 e diretti dal compositore tedesco Felix Mendelssohn-Bartholdy. Rivolti alle élite e alla classe media piuttosto ricca, i festival di musica classica si svilupparono nel resto del XIX secolo in tutti i Paesi europei, soprattutto nel Regno Unito e in Germania, con particolare attenzione a un gruppo di compositori, tra cui F. Schubert, G. F. Handel, W. A. Mozart, J. Haydn e il già citato J. S. Bach.

I circuiti dei festival jazz iniziarono a svilupparsi negli anni Cinquanta, sia in Europa che negli Stati Uniti. Dopo le due guerre mondiali, il jazz, nato a New Orleans nelle comunità afroamericane, fornì agli abitanti di entrambi i continenti una nuova percezione della cultura popolare "autentica", che era stata molto rovinata durante il periodo bellico. Negli Stati Uniti, la cultura popolare stava lentamente tornando già negli anni Quaranta ed era per lo più associata a proteste e movimenti contro la guerra e il nucleare, a sostegno dei diritti civili e del lavoro organizzato. Sia i festival folk che quelli jazz negli Stati Uniti erano fortemente dedicati alla "vera" vita musicale americana, generalmente percepita come piuttosto primitiva, tradizionale e rurale.

Anni '60 e '70: L'ascesa dei festival della cultura pop

Il periodo degli anni Sessanta è stato cruciale per i festival musicali e la loro transizione verso l'intrattenimento culturale di massa. Con il boom economico del dopoguerra e l'ascesa dell'industria automobilistica americana, i festival e gli altri eventi culturali erano diventati meno elitari e più accessibili a una più ampia gamma di classi medie e persino ad alcune classi lavoratrici. Oltre alle preoccupazioni politiche, i nuovi festival erano incentrati su vari temi culturali popolari tra il pubblico più giovane, come la moda, il cibo, l'arte, la letteratura, ecc. In questo modo, i festival musicali iniziarono a diventare una parte preziosa della cultura popolare dell'epoca, crescendo in popolarità e dimensioni.

Uno dei primi festival musicali della "cultura pop" fu il Monterey Pop Music Festival, che si tenne nel giugno del 1967 a Monterey e ospitò una grande varietà di star della musica, come Jimi Hendrix, Otis Redding, Janis Joplin, gli Who o Simon & Garfunkel. Tuttavia, il più grande evento musicale degli anni Sessanta fu il leggendario festival di Woodstock, organizzato in una fattoria di latticini a nord di New York dal 15 al 18 agosto 1969 e che, alla fine, attirò quasi 500.000 persone. Il festival offrì in totale 32 artisti diversi, compresi quelli che erano già stati presenti al festival di Monterey. Alcuni dei più grandi artisti di Woodstock furono Jimi Hendrix, Janis Joplin, gli Who, Joe Cocker e la Grease Band, i Ten Years After o Crosby, Stills, Nash & Young.


Nel frattempo, anche nel Regno Unito si stavano sviluppando imponenti festival musicali. Alcuni dei più rinomati festival pop del Regno Unito sono stati l'Isola di Wight(1967-presente), il Glastonbury Festival(1970-presente) o il Reading festival (1971-presente). L'edizione del 1970 dell'Isola di Wight superò l'affluenza di Woodstock, attirando più di 700.000 partecipanti. Negli anni Settanta si sono moltiplicati i festival internazionali, tra cui il canadese Strawberry Fields Festival(1970), il Sunbury Pop Festival in Australia (1972-1975) o il Festival Rock Y Ruedas De Avándaro in Messico (1971).

Glastonbury-festival-iMusician

Il palco principale, la "Piramide", del festival di Glastonbury, nel Regno Unito.

Musica sperimentale e la scena rave del Regno Unito

Per quanto riguarda la musica elettronica, i festival di musica elettronica hanno iniziato a comparire nei primi anni del 1900, soprattutto perché i suoni elettronici erano comunemente utilizzati nella musica sperimentale, in particolare nella musica su nastro e nella musica elettroacustica. La musica elettronica dal vivo si espanse maggiormente negli anni Cinquanta, insieme all'uso del basso e della chitarra elettrica. L'ascesa e il declino della discoteca negli anni Settanta hanno contribuito a formare molti importanti sottogeneri della musica elettronica odierna, tra cui eurodance, house, techno, acid house, trance, dubstep e molti altri. Nel 1988, l'acid house divenne il genere musicale più importante del Regno Unito, fiorendo nei locali notturni di Londra, Sheffield, Manchester, Birmingham e altrove. Tuttavia, a causa dei conflitti con la polizia locale e dell'attrazione di persone che superavano la capienza dei locali, i "rave" furono spostati nelle campagne vicino alle grandi città, svolgendosi in vari luoghi all'aperto e in siti industriali chiusi e in disuso.

Tuttavia, l'era ufficiale dei rave all'aperto non durò a lungo, poiché nel 1992-1993 il governo britannico approvò nuove leggi per vietarli efficacemente. Sebbene questi eventi non abbiano impedito ai promotori locali di organizzarli - tali feste illegali all'aperto sono continuate per tutto il decennio -, molti di questi rave si sono spostati in club già esistenti o si sono diffusi nel continente europeo (dove non esistevano leggi che vietassero i rave).

La caduta del muro di Berlino e la Love Parade

Nello stesso periodo, gli eventi politici che si verificarono a Berlino, in Germania, ebbero, inconsapevolmente, un impatto importante sullo sviluppo dei festival di musica elettronica in superficie. Poco prima della caduta del Muro di Berlino nel novembre 1989, nell'estate di quell'anno, un gruppo di 150 persone, organizzato dall'underground berlinese, partecipò a una manifestazione politica sotto forma di parata musicale che si tenne a Kurfürstendamm (Berlino Ovest), una delle vie commerciali più lussuose di Berlino. Sebbene sia stata ufficialmente presentata come una marcia politica, la parata segnò l'inizio della Love Parade, un enorme festival di musica dance elettronica e una parata techno. L'anno successivo, dopo la caduta del Muro e con la riunificazione tedesca all'orizzonte, la Love Parade si svolse di nuovo, questa volta attirando circa 2000 persone.

Nel 1997, la Love Parade ha visto la partecipazione di oltre un milione di persone e ha quindi cambiato la sua ubicazione nel vicino parco di Tiergarten, con il percorso della parata che termina sulla Siegessäule, la "Colonna della Vittoria". Il festival musicale ad accesso libero prevedeva palchi e carri con musica, DJ,ballerini e ballerine che si esibivano tra il pubblico e si è tenuto annualmente a Berlino dal 1989 al 2003. Soprattutto nel 2002 e nel 2003, la partecipazione è diminuita notevolmente e nel 2004 e nel 2005 la Love Parade è stata cancellata a causa di difficoltà di finanziamento. Alla fine, la parata ha visto una breve ripresa nel 2007, quando è stata organizzata nella regione della Ruhr, intorno alle città di Dortmund, Essen, Duisburg e Gelsenkirchen.

L'ultima Love Parade si è svolta nel 2010 nella già citata città di Duisburg ed è stata segnata da un fatale disastro di folla che ha causato la morte per soffocamento di alcuni partecipanti che cercavano di lasciare la rampa di accesso all'area del festival. Questa fu la prima e l'ultima volta che la Love Parade si tenne in un'area chiusa e la rampa situata alla fine di un tunnel lungo 240 metri era l'unico punto di ingresso e di uscita dell'area. La tragedia ha causato la morte di 21 persone e almeno altre 500 sono rimaste ferite. Di conseguenza, gli organizzatori decisero di cancellare definitivamente il festival. Tuttavia, nel 2022, l'equivalente della Love Parade è stato riproposto con il nome di Rave The Planet.

La nascita di altri festival e l’ascesa delle conferenze musicali

Oltre alla Love Parade, il Mayday (1991-presente) e lo svizzero Street Parade (1992-presente) sono stati i maggiori festival di musica elettronica in Europa per tutti gli anni Novanta e i primi anni Duemila. In quanto festival prettamente urbani, erano situati nel centro delle grandi città e presentavano elementi tecno-futuristici e un aspetto post-industriale. I festival di musica elettronica in città erano di tendenza negli anni Novanta e venivano visti come fonti potenzialmente lucrative di reddito e turismo. Tra i festival cittadini più popolari di quel periodo ci sono il Time Warp di Mannheim (1994-presente), il Sónar di Barcellona (1994-presente), l’I Love Techno di Gand (1995-presente), l'Awakenings di Rotterdam e Amsterdam (1997-presente) o l'Hradhouse di Boskovice (1998-2010).

All'inizio degli anni Duemila, il modello dei "festival artistici urbani" si è imposto e in quel periodo sono nati altri festival di questo tipo, tra cui il Club Transmediale a Berlino (1999-presente), EXIT a Novi Sad (2000-presente), MUTEK a Montreal (2000-presente) e il Decibel Festival a Detroit (2003-presente). Tuttavia, sono stati organizzati anche festival non urbani: i più importanti sono il Destiny/World Electronic Music Festival vicino a Toronto (1995-2012), il KaZantip in Ucraina (1992-2013), il Boom in Portogallo (1997-presente) e il Melt! in Germania (1998-presente).

Le conferenze di settore sono state un altro importante e forse insolito tipo di evento di musica elettronica simile a un festival. Erano destinate ai professionisti dell'industria musicale e avevano più o meno la struttura di una fiera, comprendendo aree di discussione, eventi di networking, workshop, conferenze ed esposizioni di nuove tecnologie legate al settore. Una delle prime conferenze musicali è stata la Winter Music Conference di Miami, organizzata per la prima volta nel 1981, seguita dall'Amsterdam Dance Event nel 1996.

L'ascesa dei festival EDM

Il nuovo millennio è stato segnato in particolare dalla continua crescita della musica dance elettronica (EDM) e dei suoi sottogeneri e dalla loro espansione negli Stati Uniti (ad esempio il dubstep promosso dal musicista americano Skrillex). È stato soprattutto il duo francese Daft Punk a cambiare la percezione globale della musica dance elettronica quando ha lanciato il suo tour mondiale del 2006-2007 al Coachella festival vicino alla città di Indio, in California. Mentre i Daft Punk e il Coachella 2006 hanno rappresentato un punto di svolta per la musica elettronica come parte della cultura mainstream - essendo piuttosto un'esperienza di convergenza per molti ascoltatori negli Stati Uniti -, è stato solo nel 2010 che i primi festival puramente dedicati alla musica elettronica hanno iniziato ad apparire negli Stati Uniti.

L'istituzione globale di un maggior numero di festival, incentrati sui sottogeneri EDM, è seguita alla fine del primo e del secondo decennio del XXI secolo, adottando elementi dei concerti pop/rock su larga scala e assumendo il formato di mega-eventi all'aperto. I più famosi sono stati Tomorrowland in Belgio (2005), Electric Daisy Festival a Las Vegas, Stati Uniti (1991), Ultra Music Festival a Miami (1999), Airbeat One Festival in Germania (2002) o Balaton Sound in Ungheria (2007).

A oggi, i festival di musica elettronica e gli artisti di musica elettronica godono di una popolarità sempre crescente, nonostante il calo del valore dell'industria nel 2020. Oggi sembra addirittura che ci sia un grande festival di musica elettronica ogni settimana, e gli Stati Uniti, ironia della sorte, sono oggi il mercato più grande per i festival EDM. Per il 2021, è stato riferito chela musica elettronica domini i festival all'aperto e l'EDM rimanga il genere più popolare nei principali festival di musica elettronica, rappresentando più del 20% delle line-up.

Tomorrowland-festival-imusician

Il festival belga di musica elettronica Tomorrowland

Cosa ci aspetta?

Partiti da spettacoli di musica classica e jazz, i festival di musica elettronica, in particolare quelli EDM, si sono evoluti fino a diventare alcuni dei più grandi eventi musicali del mondo. Dopo aver affrontato un'immensa crisi nel 2020 e, in parte, nel 2021, gli eventi culturali di massa sono tornati in gioco, attirando i fan della musica elettronica da tutto il mondo, oltre a spingere il turismo e il consumismo in aree economicamente deboli.

Per quanto riguarda il futuro, si dice che i progressi tecnologici e l'innovazione giocheranno un ruolo ancora più importante per rendere i festival più efficienti per gli organizzatori e più competitivi e attraenti per i partecipanti. La biglietteria elettronica e i biglietti QR sono diventati un nuovo standard negli ultimi anni, rendendo il processo di ingresso più semplice ed efficiente. Per quanto riguarda i pagamenti, diversi organizzatori hanno adottato eventi senza contanti, con l'utilizzo di braccialetti digitali per i pagamenti da parte dei partecipanti e, ancora di più, alcuni festival hanno introdotto una propria valuta utilizzata specificamente per il festival. Ciò che è diventato particolarmente popolare nel 2022 è l'ordine digitale senza contatto utilizzando i telefoni cellulari, con l'obiettivo di evitare le code e le attese.

Dopo aver scoperto ciò che la digitalizzazione è in grado di fare, ci si aspetta che la tecnologia supporti altri processi operativi e creativi dei festival, migliorando la qualità del suono, della visione e dell'esperienza complessiva, rendendola il più possibile coinvolgente ed entusiasmante. Tecnologie sempre più convergenti come la realtà aumentata, la realtà virtuale e l'olografia sono destinate a essere utilizzate più comunemente per consentire ai visitatori di immergersi maggiormente nell'esperienza del festival.

Per saperne di più sulla musica elettronica, è possibile approfondire l'evoluzione storica dello stile musicale nella nostra guida "Musica elettronica" o leggere il nostro articolo sull'EDM e i suoi sottogeneri.

Tutto pronto per pubblicare la tua musica?

Distribuisci la tua musica sulla più ampia selezione di piattaforme di streaming e negozi online a livello globale.

Inizia ora
Share Post:
Condividi questa guida su
Newsletter iMusician

Tutto ciò che ti serve.
In un solo posto.

I nostri consigli per avere successo nel mondo della musica, offerte speciali e le ultime novità da parte di iMusician direttamente nella tua casella di posta! Tutto ciò di cui hai bisogno per coltivare la tua carriera musicale.

Loading...