Skip to main content
iMusician logo
Tutte le storie di successo

DLJ: guadagnarsi da vivere online come artista indipendente

DLJ Success Story

Come guadagnarsi da vivere con la propria musica? Tra tutte le domande che può porsi un musicista indipendente, questa è sicuramente la più importante. E con lo streaming la questione si fa ancora più delicata: l'età dell’oro dei CD venduti a 20 euro è finita infatti, e in molti si chiedono come il sistema di pagamento di Spotify possa permettere di vivere in modo dignitoso.

Ma guadagnarsi da vivere con lo streaming è possibile, come dimostra l’esperienza del venticinquenne francese DLJ, un compositore e produttore di hip-hop lo-fi. Dal suo album di debutto nel 2017, DLJ ha collezionato oltre 100 milioni di ascolti su tutte le piattaforme e allo stesso tempo ha creato la sua etichetta musicale Retro Jungle Records nel 2019 e un canale YouTube.

icone uomo e donna nere per Spotify
4.621 Follower
Icona cuffie nera
1.9 milioni Ascoltatori mensili

Oggi DLJ vive dello streaming online della sua musica. Ma se anche la sua rapida ascesa può suscitare invidia, di certo non ha avuto successo per caso. Gli abbiamo fatto qualche domanda riguardo alla sua esperienza.

Puoi dirci qualcosa della nascita e del successo del progetto DLJ?

Ho suonato il piano classico per 10 anni e questa cosa mi ha fornito una cultura e un orecchio musicale, ma la storia, i beat e la composizione di DLJ sono tutta un’altra cosa.

Nel 2016 ho conseguito una laurea in Music & Sound Technologies a Portsmouth, in Inghilterra, durante la quale ho sperimentato diversi stili di produzione, come hip-hop, synthwave, house. Mi sono molto appassionato all’hip-hop e al boom bap e piano piano ho scoperto anche il mondo del "lo-fi", ovvero tutte queste tracce campionate da vinile, fatte passare attraverso campionatori come l'SP404 o prodotte con un MPC 2000XL...

La scoperta di questo mondo che non era necessariamente mio culturalmente e ritmicamente si è trasformata in passione!


Thumbnail video I Care About You

Erano cose molto lontane dai miei riferimenti rock e da quello che conoscevo (Queen, Pink Floyd, Janis Joplin, Fleetwood Mac, eccetera). Ho scoperto J Dilla, Nujabes, Knxwledge, Ras G, Flying Lotus e tanti altri, così come la nuova scena lo-fi su SoundCloud. Ho pubblicato il mio primo album lo-fi nel 2017, seguito da diversi singoli, che oggi contano diversi milioni di ascolti su Spotify.

Non è una cosa che è avvenuta per caso, considerato che fin dalla nascita del progetto DLJ ho fatto anche altre cose: ho lavorato come conduttore radiofonico, compositore di musica per film, e sound designer per varie società di produzione audiovisiva.

È stato solo nel 2019 che sono riuscito a dedicarmi completamente al progetto DLJ. Lavoravo come sound designer, ma è un lavoro che ho dovuto lasciare per vivere l'avventura DLJ al 100%. Anche se quello che facevo mi piaceva molto, mi si è presentata l'opportunità di vivere della mia musica. Il mio datore di lavoro è stato molto comprensivo e mi ha sostenuto nella mia decisione, quindi ho colto l’attimo.

"Ho subito capito che non era impossibile guadagnarsi da vivere con la musica, soprattutto con i diritti d'autore, ma che il percorso era lungo e dipendeva dalla qualità e dalla comunicazione dei progetti."

In che modo iMusician ti ha aiutato in questa avventura?

È stato il mio amico Smiling Beats, che fa l’ingegnere del suono e ha masterizzato il mio primo album, a parlarmi di iMusician. Avevo bisogno di aiuto per la mia prima uscita digitale e così gli ho chiesto se conosceva un distributore adatto al mio progetto musicale, e lui mi ha parlato di iMusician, dicendomi che era un distributore serio e professionale e aveva anche un servizio post-vendita in Francia.

Così mi sono scambiato qualche e-mail con i manager francesi di iMusician che mi hanno aiutato a pubblicare le mie cose nei primi mesi, e mi hanno anche fornito i dettagli necessari per poter compilare i moduli sul sito (mille grazie a Selma e Jordan).

Allora ho subito capito che non era impossibile guadagnarsi da vivere con la musica, soprattutto con i diritti d'autore, ma che il percorso era lungo e dipendeva dalla qualità e dalla comunicazione dei progetti.


Come sei riuscito a ottenere così tanti ascolti sulle varie piattaforme?

Non avevo previsto il successo sulle piattaforme di streaming, ma nemmeno questa cosa è avvenuta per caso! Il mio primo album "Flying Leaf" aveva accumulato 1500 ascolti nel corso del 2017. Dopo non ho pubblicato nuove cose per diversi mesi e la mia promozione musicale è stata piuttosto limitata.

Mano a mano che pubblicavo singoli ho poi capito che networking, marketing musicale e passaparola erano molto importanti e piano piano sono passato da 100 ascoltatori mensili a 8.000, continuando a pubblicare altri singoli e anche grazie al supporto di vari curatori di playlist.

Ho quindi pubblicato una traccia chiamata "Let Me Know" con l'etichetta parigina Hip Dozer, che mi ha portato a un ulteriore traguardo di 20.000 ascoltatori mensili grazie alla loro playlist su Spotify. Entusiasta di questa crescita, sono stato poi incluso in una playlist curata da Spotify nell'ottobre 2018. Questa cosa ha portato la mia traccia Blue Shades a svariati milioni di ascoltatori e mi ha fatto guadagnare molti altri fan. Ho quindi continuato a lavorare sulla mia rete e sulla comunicazione, e a pubblicare brani regolarmente, senza mettermi pressione in modo da non scadere di qualità.

Cosa c’è da imparare dall’esperienza di DLJ per guadagnarsi da vivere con lo streaming

L’esperienza di DLJ può essere presa ad esempio, ma ogni artista e ogni progetto è unico. Non c’è nessun segreto da conoscere per riuscire a vivere della propria musica e nessuna formula magica per ottenere successo. I consigli di DLJ ti aiuteranno ad adottare l'atteggiamento giusto per far crescere la tua fanbase e guadagnare soldi: un’attitudine fatta di duro lavoro, pazienza, collaborazione e audacia.

Sfondare con la musica non è affatto facile: è solo attraverso un delicato mix di duro lavoro, rischi e opportunità, nonché di competenze apprese grazie a una rete di professionisti, che DLJ è riuscito, in soli tre anni, a trasformare un progetto amatoriale in una carriera musicale.

Adesso vediamo quello che ogni artista indipendente può prendere dall’esperienza di DLJ:

  1. Non aver paura di lavorare sodo.
    Una cosa è certa, quello che ha fatto DLJ non è avvenuto per caso. Questa è la lezione più ovvia: sfondare nella musica come artista indipendente richiede determinazione e duro lavoro. Scegli i professionisti giusti di cui circondarti.
  2. Essere un artista indipendente non significa che sei solo!
    Comunicazione, relazioni con la stampa, gestione dei social media, eccetera. Stare dietro al tuo progetto musicale è una cosa seria e se vuoi provarci a fondo devi essere capace di circondarti di partner e collaboratori fidati. A partire dal tuo distributore di musica online.
  3. Cerca di capire e sfruttare al meglio il modo in cui funziona l'industria musicale oggi.
    Nell'era dello streaming le strategie per vendere musica sono cambiate: ad esempio, l'avvento preponderante delle playlist significa che un artista indipendente ha maggiori possibilità di essere conosciuto pubblicando diversi singoli piuttosto che concentrarsi su un unico album. DLJ questo l’ha capito: ha scalato l'algoritmo Spotify pubblicando singoli su singoli. Analizzando i suoi ascolti, ha compreso il potenziale delle playlist per il suo progetto e ha riadattato di conseguenza la sua strategia. Se non sei sicuro di quale sia la cosa giusta per il tuo progetto musicale, abbiamo compilato un elenco delle migliori strategie di pubblicazione nell'era dello streaming.
  4. Cogli le opportunità quando si presentano.
    La strada per guadagnarsi da vivere con la tua musica online è lunga e tortuosa e quindi soprattutto all'inizio della tua carriera avrai bisogno di poter contare su entrate aggiuntive: facendo lavori su commissione come DLJ, o diversificando le tue entrate musicali (merchandising di vario tipo, concerti privati, eccetera).

L'esempio di DLJ dimostra che è importante restare cauti quando si avvia un nuovo progetto musicale, e inoltre dimostra che è fondamentale capire quando è il momento giusto di concentrarsi sulla propria musica e avere il coraggio di investire il 100% del proprio tempo in essa.


Condividi questo articolo su
Segui l'artista su
Newsletter iMusician

Resta aggiornato

Rimani aggiornato su tutte le ultime notizie, tendenze, consigli, trucchi sul mondo della musica. Tutto ciò di cui hai bisogno per far crescere la tua carriera musicale direttamente nella tua casella di posta elettronica.

Loading...